Ricerca del Porto di Terina

Progetto di ricerca svolto in collaborazione con l'associazione Archeo-sub di Lamezia Terme, finalizzato al ritrovamento del porto di Terina, nei pressi del Golfo di Santa Eufemia.

Monitoraggio del mediterraneo per la tutela e la conservazione dei beni culturali

L’Italia detiene il 60% del patrimonio artistico mondiale. Ai tempi della Magna Grecia, Nel sud Italia, più precisamente nella regione che va dallo Ionio al mar Tirreno di pertinenza Calabra, sovente passavano Navi contenenti carichi di enorme valore, come i Bronzi di Riace.

A quei tempi le navi, prive di qualsiasi strumento di navigazione erano costrette a viaggiare sotto costa.

Poiché a quel tempo le città erano veri e propri Stati, durante la navigazione, nel passaggio di Stato in Stato, le navi erano costrette a pagare importanti dazi che intaccavano significativamente sul valore della merce trasportata.

Per ovviare a tale situazione, i trasportatori, idearono una scorciatoia che permetteva loro di arrivare allo Ionio senza passare per mare, riducendo le distanze ed evitando i costi legati al dazio.

Questa scorciatoia portava al porto di Terina, localizzato nei pressi del Golfo di Santa eufemia, dove i beni venivano nuovamente caricati sulle navi per poter essere trasportati fino alla destinazione finale, Croton.

Recenti studi confermano tale scenario e sulla base di queste informazioni H8Research, con la collaborazione di Mario Panarello, ideatore e direttore di una importante rivista denominata “Esperide” e dell’associazione Lametina ArcheoSub, la più autorevole associazione di ArcheoSub italiana, intende utilizzare la propria tecnologia ROV/AUV, unitamente ad alcune reti neurali appositamente addestrate, per ritrovare i resti di tali attività di trasporto.

Il ritrovamento di tali reperti vuole porsi come base per lo sviluppo di un sistema complesso di monitoraggio a favore della tutela di questo patrimonio artistico, tra i più ricchi ed importanti del mondo.

Tale sistema di monitoraggio potrà anche essere utilizzato per replicare il progetto in altri Paesi del Bacino del Mediterraneo e/o altri siti di interesse a livello mondiale.


 

Richiedi informazioni

H4 Research srl – Via Ostiense 177/C, 00154 Roma – P.IVA: 14765811006

Privacy Policy Cookie Policy